Trofie risottate al sugo di piovra
Print Recipe
Porzioni
4 persone
Porzioni
4 persone
Trofie risottate al sugo di piovra
Print Recipe
Porzioni
4 persone
Porzioni
4 persone
Ingredienti
Porzioni: persone
Istruzioni
  1. Pulire bene i polpi dopo averli fatti scongelare, tagliarli in pezzi medio piccoli. Pulire bene i moscardini senza rompere la sacca della testa, togliere occhi e dente. Spellare 2 spicchi d’aglio, togliere l’anima. Preparare 1 lt. di brodo di verdure. In un tegame (meglio di coccio) mettere un fondo d’olio EVO, quando sarà caldo aggiungere l’aglio, i peperoncini spezzettati, le foglioline di salvia, i capperi, i pinoli tostati, le olive a pezzetti, abbassare la fiamma e fare prendere colore all’aglio mescolando qualche volta.
  2. In un pentolino mettere l’olio di semi, quando è bollente tuffare per una decina di volte i moscardini tenendoli con una forchetta al centro dei tentacoli fino a farli diventare un palla con i tentacoli ben arricciati. Appena l’aglio ha cambiato colore toglierlo, aggiungere il polpo a pezzetti, alzare la fiamma, mescolare, dopo un paio di minuti il polpo ha cambiato colore, aggiungere il vino e i moscardini, mescolare, fare riprendere bollore, fare evaporare l’alcool, dopo 5’ aggiungere il concentrato di pomodoro, quando riprende il bollore abbassare la fiamma e mettere il coperchio al tegame.
  3. Cuocere per 15 o 20’ ( in totale da 25 a 30’ ) mescolando qualche volta,aggiungere la passata di pomodoro, salare alla fine e mescolare bene per sciogliere il sale. Aggiungere un po’ di prezzemolo tritato finemente, tenere da parte. Mettere sul fuoco una grossa pentola con un fondo d’olio, mentre si scada spellare e togliere l’anima a 1 spicchio d’aglio e schiacciarlo, metterlo nell’olio caldo, farlo rosolare poi eliminarlo, aggiungere gli scalogni affettati sottilissimi ( o tritati ) e poi la pasta, farla tostare per circa 1 o 2’ a fiamma vivace, sfumare con il vino bianco secco.
  4. Proseguire la cottura mescolando abbastanza spesso con un cucchiaio di legno aggiungendo il brodo di verdure bollente come fosse un risotto. Rimettere a scaldare il sugo di piovra allungando con un po’ dell’acqua di cottura della pasta se si fosse asciugato troppo. Circa 2 minuti dal termine della cottura della pasta, che dovrà essere al dente, scolarla direttamente nel tegame con il sugo di piovra al quale avremo tolto i moscardini e messi da parte al caldo con del sugo di piovra, mescolare, aggiustare di sale, aggiungere il prezzemolo tritato fine ed una generosa macinata di pepe nero, mescolare.
  5. Impiattare possibilmente in tegamini di coccio ( o cappello del prete ), posizionare sopra al centro in un piccolo incavo un moscardino con i tentacoli rivolti verso l’alto, aggiungere un paio di cucchiai di condimento e qualche fogliolina di prezzemolo e servire immediatamente.
Condividi questa Ricetta